Non chiamarmi zingaro

“La parola zingaro è diventata offensiva, per cui essi stessi e i loro amici evitano di pronunciarla. Una volta non lo era…”Dal prologo di Predrag Matvejevic'”

DgCwS-fXcAAtPYo

Senza commento che le news di questi giorni si commentano da sole. Ma  un suggerimento di lettura, questo sì.

Annunci
Pubblicato in Books please!, La storia siamo noi, Living with books, Vita da bibliotecaria | Contrassegnato , , , , , | 2 commenti

E l’Asia par che dorma…

Questo era il pretesto, scrivere di Asia partendo da questo ragionamento di Michele Marziani, Direttore de Il Colophon:

dell’Asia non si sa nulla, se non il poco che sanno raccontarci i viaggiatori e gli autori di un continente immenso che è quasi un contenitore di mondi, del quale problabilmente conosciamo davvero pochissimo, dove sbocciano, esplodono, implodono contraddizioni, nuove economie, idee di futuro, pensieri arcaici, millenari… Passati immensi di cui neppure abbiamo avuto sentore. È incredibile quante cose passino dalle steppe euroasiatiche al Giappone, l’India, la Cina, il Tibet, il Sud-est Asiatico, la Corea, il Vietnam, la stessa Turchia al di là del Bosforo, il Medio Oriente.

A scavare ci si perde, si confondono strade, segni, piste, indicazioni e letture, c’è da farsi girare la testa. Allora ci si affida a chi racconta perché ognuno ha un pezzo di Asia dentro di sé. Speriamo di essere riusciti non dico a narrarne un poco, ma a farne almeno sentire il profumo. Il sapore. L’idea. La parola. Il tempo. La speranza.

Di Asia avevo già scritto su Il Colophon, di Ceylon per l’esattezza o di Sri Lanka per chi lo preferisce, Sri Lanka, l’isola dove arriva il suono delle campane del Paradiso

e anche qui, nel mio blog In the jungle essendoci stata ormai quasi 30 anni fa.

E così ho deciso di cimentarmi con l’Asia che non ho mai visto ma di cui ho letto molto e che ha un posto privilegiato nel mio cuore. Ecco il mio articolo quindi uscito proprio in questi giorni sull’ultimo numero de Il Colophon Tibet è una vita che ti sogno

Pubblicato in Books please!, Cose fatte, Fughe e vagabondaggi letterari, Genere femminile, La storia siamo noi, Life style, Living with books, Sì viaggiare, Vita da bibliotecaria | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Ogni viaggio è il più bel viaggio

Eccolo il nuovo tema del Il Colophon. Di viaggi ho sempre scritto nei miei articoli perché viaggiare è la cosa che ho fatto di più negli ultimi anni e che più di ogni altra cosa mi è piaciuto fare. Non avrei faticato quindi a scriverlo se non per un particolare stato di stanchezza fisica e mentale che mi rende faticoso questo periodo. Ho perciò scelto di parlare solo di donne viaggiatrici e solo di quelle che mi hanno ispirato e accompagnato, e lo faranno,  con i loro diari o racconti: Narratrici di ventura Sentimental travellers come me.

32372599635_180be8a7a2_k

A room with a view, Xinaliq, Azerbaijan

Pubblicato in Books please!, Cose fatte, Fughe e vagabondaggi letterari, Genere femminile, Life style, Living with books, Sì viaggiare, Vita da bibliotecaria | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Pareidolia o no, apro gli occhi su un mondo nuovo

Pareidolia: La pareidolia o illusione pareidolitica (dal greco  εἴδωλον èidōlon, “immagine”, col prefisso παρά parà, “vicino”) è l’illusione subcosciente che tende a ricondurre a forme note oggetti o profili (naturali o artificiali) dalla forma casuale.

btyMi capita molto di rado di cercare oggetti nelle nuvole. Troppo indaffarata, troppo distratta? non so…di certo la mia porzione di cielo cittadino è molto limitata e quindi accade molto ma molto raramente di fermarmi ad ammirare lo spettacolo naturale delle nuvole in movimento anche perché, diciamolo, il cielo di questa primavera che tarda ad arrivare è ormai sul nuvoloso fisso costate.

Ma sabato mattina mi sono svegliata nella campagna toscana, a Pomaia per l’esattezza , dove sono andata per seguire un corso su “Igiene emotiva ed educazione del pensiero” all’Istituto Lama Tzong Khapa

E’ stato il primo degli incontri in cui si articola il corso (4 finesettimana + 1 ritiro) in cui abbiamo affrontato L’approccio Buddhista alla realtà : lo scopo della vita; felicità e sofferenza e la relazione corpo-mente; causa, effetto e relazione dipendente; il meccanismo dell’esistenza; realtà convenzionale e ultima. E’ un corso impegnativo, il nostro maestro non ci ha risparmiati un secondo. E’ un maestro speciale, almeno per me:  è Fabrizio Pallotti e, se avete seguito gli insegnamenti del Dalai Lama in Italia, non potete non conoscerlo, perché è il traduttore che siede accanto a Sua Santità: lui per me, come dico io, è le parole del Dalai Lama.

FB_IMG_1523192453957 (1)

Beh in pratica si tratta di imparare a guardare il mondo con oggettività, non mediato dai condizionamenti della nostra mente. Quindi direte voi in netto contrasto con il mio modo di guardare alla nuvola dove io ho intravisto un cavallo lanciato al galoppo. Diciamo di sì, in parte…perché in quella nuvola non ho voluto vedere il cielo che si stava oscurando, come sarebbe più razionale pensare, ma ho voluto vedere un’immagine che rappresentasse la bellezza e la meraviglia nascosta in natura, soprattutto a noi che viviamo in città: sollevare lo sguardo da noi, dalla nostra individualità, dai rapporti conflittuali a cui spesso ci condannano le nostre vite o a cui ci autocondanniamo,  per vedere la bellezza che ci circonda, anche negli altri. Qualcosa che fosse la metafora di un cammino intrapreso, sempre stando alle parole del Dalai Lama e di Fabrizio quindi, lungo il sentiero dell’illuminazione (che parolona! mentre la scrivo istintivamente abbasso il capo perché ne percepisco tutta la grandezza). Per questo ho iniziato a leggere, e intendo applicarmici con impegno , La lampada sul sentiero di Sua Santità il Dalai Lama.

sentiero

L’obiettivo è ambizioso, come ho detto, quello dell’illuminazione intendo: migliorare me stessa per aiutare gli altri. Sono necessari doti e tempo che temo di non avere, a questa età. Ma non mi si chiede di fare tutto il lavoro per migliorare il mondo, semplicemente di fare la mia parte.

Pubblicato in Books please!, Cose fatte, Life style, Living with books | Contrassegnato , , , , , , , | Lascia un commento

Pensare con i piedi

Era il tema dell’ultimo numero de Il Colophon. Andava sviluppato il proprio rapporto con lo sport, o lo sport inteso come soggetto letterario. Nel mio saggio ho sviluppato l’argomento sotto tutte e due gli aspetti.

Cosa ne è venuto fuori? un primo e secondo tempo. Eccolo

Lo sport per capire il mondo. Anche il mio

Pubblicato in Books please!, Cose fatte, Famiglia, Fughe e vagabondaggi letterari, Genere femminile, Living with books, Sì viaggiare | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Considera l’aragosta

Adoro l’aragosta, seducente da viva e squisita da morta. Per fortuna non vivo in Svizzera dove una legge ne impedisce la cottura tradizionale, cioè l’immersione dell’esemplare vivo in acqua bollente. Non è certo che immergendole provano dolore, neppure uno studio commissionato dal governo ha dato una risposta definitiva Il metodo che verrà introdotto a me pare onestamente forse anche più crudele: shock elettrico o colpo in testa per danneggiarne il cervello. Se consideriamo l’aragosta capace di intendere e di volere, o non volere, e consapevole della propria identità, va da sé che  probabilmente ha anche la consapevolezza delle possibili modalità della sua morte. Un po’ come noi, del resto: si muore di vecchiaia, di malattia, di incidente. E il momento quando arriva arriva. Si sarebbe innescato, in pratica, un processo di antropomorfizzazione delle aragoste.

La prima volta che mangiai aragosta mi trovavo a Cape Cod, Massachusetts. Per l’esattezza a Hyannis Port, celebre per  il Kennedy Compound, sei acri di terreno e tre edifici fronteggianti l’oceano,  di proprietà della famiglia che amava trascorrervi le vacanze estive.

Si compravano al porto, si portavano a casa in sacchi di juta. Una volta a casa si liberavano in cucina, la sera venivano gettate in grandi pentoloni e servite con burro fuso caldo. Ricetta semplice ma squisita, grazie anche al fatto che quelle sono tra le aragoste più buone al mondo.

Di buone, anzi buonissime, ne mangio appena ne ho l’occasione , anche l’estate scorsa, a Loch Fyne Seafood & Grill in Scozia. Il  fondatore, Johnny Noble ( stravagante propietrario di  Ardkinglas House) e il biologo marino Andy Lane, crearono il loro primo allevamento  di ostriche (pare siano buonissime ma non ne vado pazza) sulle rive del lago nel 1978, vendendo pesce e crostacei da una bancarella lungo la strada per pagare i conti della tenuta . L’azienda si è rapidamente costruita una reputazione per la qualità e il sapore dei suoi frutti di mare ed è stata presto seguita da un affumicatoio e da oyster bar  sulla riva del Loch. Con la crescita della reputazione di questo eccezionale prodotto, è aumentato anche il numero dei ristoranti distribuiti in varie parti del Regno Unito. Sono stata a novembre in quello di Edimburgo, ma non è paragonabile all’originale, dove prima di tornare a casa mi approvigiono anche di salmone affumicato. Ineguagliabile.

L’ultima aragosta, in versione vellutata di patate con  bacon e pane croccante, l’ho mangiata da Moa Lobster & Cashmere, a Genova, un ristoshop bellissimissimo, proprio il giorno in cui è andata in onda la puntata di  4 Ristoranti di Alessandro Borghese dedicata a Genova. Inciso: vista la puntata, riconfermo la scelta di Moa. Il titolare è una persona dai modi squisiti, lo ha dimostrato anche nell’esprimere i giudizi. La qualità può sempre essere migliorata ma nel scegliere un locale non mi affido solo al piatto, valuto il locale, il comfort. Tutte cose che Moa ha, insieme all’originalità, considerati gli standard genovesi.

Sono una snob? sono ricca? no, mi piacciono le cose buone. E secondo me l’aragosta è una di quelle.  In passato fu considerato cibo per poveri, consumato anche dai galeotti. E non veniva somministrato per più di una volta alla settimana, perché ritenuto crudele, come costringere a mangiare topi.

All’aragosta ha dedicato un capitolo del suo Considera l’aragosta Edgar Foster Wallace, scritto  in seguito a una visita dell’autore all’annuale Fiera dell’aragosta nel Maine dove, già lo so,  mi troverei a mio agio.

images (1)

E sempre all’aragosta è dedicata un’opera surrealista di Salvador Dalì, il Telefono Aragosta,  realizzato in collaborazione con l’amico del pittore e suo mecenate Edward James. Nella sua versione bianca è stato venduto nel 2016 ad un’asta di Christie’s per 850.000 sterline.

Come scrisse Dalí nella sua autobiografia “La mia vita segreta”: “Perché, quando chiedo un’aragosta all’americana in un ristorante, non mi portano mai un telefono alla griglia? E perché lo champagne viene sempre servito ghiacciato, mentre i telefoni,  sempre tiepidi e sgradevolmente appiccicosi, non sono mai serviti in un bel secchiello, appannato e velato di ghiaccio?” …… “Telefono frappé, telefono alla menta, telefono afrodisiaco, telefono all’aragosta, telefono drappeggiato nel visone,  per i boudoir delle sirene dalle unghie fasciate d’ermellino, telefono alla Edgar Allan Poe, con un topo morto nascosto dentro, telefono alla Böcklin, installato in un cipresso…telefono al guinzaglio, ma capacissimo di passeggiare da solo, telefono applicato  sul dorso di una tartaruga viva …telefoni…telefoni…telefoni…

Elsa Schiaparelli, la stilista che collaborò con Dalí a vari progetti, creò un abito da sera che presentava un’aragosta stampata lungo il davanti della gonna, con la coda strategicamente posizionata all’altezza del bacino. Fu  indossato da Wallis Warfield Simpson in una serie di fotografie di Cecil Beaton, scattate poco prima del matrimonio di Wallis con Edoardo VIII.

Nel 2010 Dree, la pronipote di Hemingway, è stata fotografata mentre indossa una maschera aragosta da Richard Burbridge per Vogue Italia.

download (2)

John Derian, specialista in decoupage si fa per dire, based in new York,  ha realizzato una serie di piatti e  vassoi a tema aragosta. Piuttosto cari, naturalmente.

lob.png

Perfetti però per creare l’illusione di stare celebrando qualcosa di veramente esclusivo anche  in assenza della materia prima. Un valido aiuto lo può fornire Rita Konig, interior designer inglese e guru del ricevere moderno, per la quale molto sta nel saper creare l’atmosfera,  nel modo i cui si presenta il cibo, per fare della casa in cui si vive il paradiso che si è sempre sognato. Per imparare i  modi in cui viziarsi.

Come ho fatto io, concedendomi in una giornata fredda e carica di pensieri, una vellutata d’aragosta calda e morbida. Come un pullover di cashmere.

 

Pubblicato in Balocchi e profumi, Books and art, Books please!, Cosa bolle in pentola, Genere femminile, Living with books, Sì viaggiare | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Elogio del silenzio

Invecchio. Me lo dice la data di nascita. Me lo dicono i ricordi. Me lo dice il corpo. Me lo dicono i sentimenti, il carattere. Sono diventata più indulgente, sorrido di più, non mi chiedo più “sono felice?”. Mi sento serena, nonostante le fatiche, le preoccupazioni, le perdite. Mi circondo delle persone che amo, gli altri sono solo comparse nella recita quotidiana che la vita ci impone. Adoro stare in casa, la mia. Non so se sia bella, ho lavorato soprattutto per renderla accogliente. Per me, per chi la frequenta. Un “eagle’s nest” dove comunque trovano spazio le parole: pronunciate, ascoltate, lette. E amo sempre di più il silenzio, sempre meno presente nelle nostre vite.  Non c’è esercizio commerciale dove la musica, spesso martellante,  non sia tenuta ad alto volume.  Ho chiesto il perché al commesso di un negozio di abbigliamento : è imposta dalla direzione perché, aumentando l’adrenalina, tiene alto il rendimento di chi ci lavora. Aumenta la performance, come si dice oggi. Io da quel negozio sono fuggita, distratta da quel baccano che mi impediva di ragionare. Detesto le urla, le tavolate al ristorante, gli schiammazzi notturni, la gente che si attarda la notte sotto le finestre a chiaccherare. Non solo rumore. Maleducazione e inciviltà, le prime cause. Se c’è una cosa che il tempo non mi ha tolto è l’udito. Direi anzi che col passare del tempo mi è migliorato. Ho cambiato la sveglia perché il ticchettio mi batteva in testa e percepisco rumori impercettibili ad altri.

Sarà per tutte queste ragioni, e molte altre, che ho evitato di elencare per non passare per folle, che ho acquistato Elogio del silenzio di John Biguenet pubblicato da Il Saggiatore.

bty

Cos’è il silenzio? Per l’Autore un servo del potere,  una bugia,  una punizione, la voce di Dio, l’arma finale del terrorista,un bene di lusso,  la ragione della tortura.  Infine,  un oggetto che entrambi facciamo e non riconosciamo. Qualcosa da temere o da desiderare, in un mondo caratterizzato dal rumore?

Sono tante le citazioni tratte ad esempio da Twain, Poe, Foucault, Kafka, Cechov, Shakespeare, Sterne. Nel capitolo intitolato Il silenzio delle fotografie cita Dessau di Henry Cartier Bresson che ritrae una donna belga, ex prigioniera di un campo di concentramento, mentre denuncia furiosa la presenza di un’informatrice della Gestapo che aveva finto di essere anche lei una rifugiata.

henri-cartier-bresson-dessau-germany-1945

Nel capitolo più personale e più perspicace del libro, Biguenet parla di come ha cercato, ma non riuscì a trovare il silenzio sulla scia del disastro dell’uragano Katrina dopo che lui e la sua famiglia dovettero fuggire dalla sua casa a New Orleans. Biguenet parla di come ha scoperto di non riuscire a leggere. Le circostanze catastrofiche in cui si trovava lo rendevano incapace di spegnersi, di mettere a tacere abbastanza della sua coscienza per dedicare l’energia mentale necessaria alla lettura. La lettura richiede la capacità di mettere a tacere se stessi.

Alla fine del libro, Biguenet si interroga sul futuro del silenzio.  Mentre scrive tra il rumore e il trambusto, mentre descrive il “ronzio” del mondo moderno  legge l’articolo di Leslie Allen “Drifting in Static” apparso su National Geographic d sulle balene e su come le navi di passaggio interrompano la loro capacità di comunicare tra loro. Il loro “silenzio” è rotto. Sono condannate alla solititudine.

noisy-ocean-660

Quindi, siamo lasciati a considerare come il silenzio o la mancanza di essi impatti non solo noi, ma l’intero ecosistema che ci circonda. È un ricordo commovente che nel mondo moderno, con il suo ritmo frenetico e il rumore sempre presente, a volte ciò di cui abbiamo più bisogno è l’unica cosa che non riusciamo ad ottenere.

Un utopia che, nell’inseguirla, ci costringe a prenderci cura di noi stessi. Un lusso, per sfuggire al rumore del mondo.

Pubblicato in Books please!, Genere femminile, Vita da bibliotecaria | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , | 3 commenti

Madame Bovary? Ce n’est pas moi

E’ uscito il nuovo numero de Il Colphon dal titolo Madame Bovary c’est moi!

Nel suo editoriale il direttore Michele Marziani scrive a proposito della scelta del tema

Tributo a Gustave Flaubert uno degli scrittori francesi che amo di più, ricordo della ragazza dai capelli neri che sognava di guidare i treni e piccolo viaggio nella Francia letteraria che forse si frequenta sempre meno. Ogni lingua vive e declina assieme al proprio impero. Oggi l’inglese è l’idioma imperante della lettura, seppur tradotto. Ma noi tutti siamo cresciuti con qualche libro francese tra le mani. E alcuni restano dei capolavori assoluti. Come dimenticare le notti rabbiose a leggere Cèline? O il periodo della guerra ai brufoli in compagnia di André Gide?

Ecco, a me non sarebbe mai venuto in mente. Per questo ho usato la negazione nel titolo di questo mio post. Perché io la passione per la letteratura francese non ce l’ho. Neppure per la Francia, come spiego nel mio articolo che trovate qui Una certa idea della Francia, citando De Gaulle

Je suis desolé? comme çi comme ça…

 

Pubblicato in Balocchi e profumi, Books please!, Cosa bolle in pentola, Fughe e vagabondaggi letterari, Genere femminile, Life style, Living with books, musica!, Sì viaggiare | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Alla Casa Bianca l’albero dei libri: chi li leggerà?

 

2370

Se pensate che la scelta sia stata ragionata o sia particolarmente significativa vi sbagliate. Il criterio adottato è quello delle sfumature di verde delle copertine. Lo ha comunicato al Washington Post Stephanie Grisham, direttrice della comunicazione di Melania Trump. Qualcuno ha commentato che la scelta è piuttosto insolita e la stessa commentatrice del Post Nora Krug  si è dichiarata perplessa.

_880222564.jpg.size-custom-crop.1086x0

Avendo scelto di arredare la biblioteca nei toni del rosso e del verde sembrava l’opzione più ovvia.

US-HOLIDAY-CHRISTMAS

La palette di colori pare riferirsi e voler sottolineare la copia personale di A Christmas Carol del Presidente Franklin Delano Roosevelt che in occasione del Natale amava citare nei suoi discorsi l’opera di Dickens :

La povera casa di Bob Cratchit è per me metafora delle case di tanti americani e tutto ciò mi commuove molto

Nel discorso di Natale del 1939 disse:

Lo spirito del Natale aiutò il vecchio Scrooge a capire il vero significato della socialità. Ma la socialità di oggi non è più limitata al piccolo quartiere. La vita è diventata troppo complicata per questo. Nel nostro paese  ha gradualmente esteso i suoi confini, dalla città, alla contea, allo stato e ora finalmente all’intera nazione. “Ad esempio,”- si meravigliava Roosevelt, mentre parlava pochi giorni prima che i primi assegni di previdenza sociale fossero spediti, – “una generazione fa  nessuno avrebbe pensato che una settimana da domani – 1 ° gennaio 1940 – decine di migliaia di uomini e donne anziani in ogni stato e in ogni contea e ogni città della nazione inizieranno a ricevere assegni ogni mese per l’assicurazione di  vecchiaia – e non solo, ma ci saranno anche benefici assicurativi per le mogli, le vedove, i bambini orfani e genitori non autosufficiente? Chi avrebbe pensato una generazione fa che le persone che hanno perso il lavoro potranno, per un periodo apprezzabile, ricevere un’assicurazione di disoccupazione – che i bisognosi, i ciechi e gli storpi  riceveranno una misura di protezione che raggiungerà i milioni di Bob Cratchits , i Martha e i minuscoli Tim delle nostre “case a quattro stanze”? “

La società americana appare oggi molto lontana dagli ormeggi che il Presidente Roosevelt aveva fornito ai suoi abitanti. E la povertà non è andata esaurendosi.

Accanto all’albero è stata posta una comoda poltrona ma è abbastanza evidente che nessuno mai leggerà quei libri. Il Presidente non ne ha il tempo, come ha più volte ribadito.

“I read passages, I read areas, chapters, I don’t have the time,”

Ma trova il tempo per consigliarne, come ha fatto spesso durante la campagna elettorale. Di cosa parlavano? di lui ovviamente…

Pubblicato in Books please!, Life style, Living with books | Contrassegnato , , , , , , , , , , | Lascia un commento

San Francesco? Sì, ma di Lula

Si festeggia il 4 ottobre e anche il 1 maggio. Il Santo è sempre lui, San Francesco, simbolo universale di pace, ma a Lula, Sardegna, viene festeggiato in  versione protettore dei  “banditi” precisamente nella Chiesa campestre a 2 km dal paese a Lui dedicata. . La leggenda dice che il Santuario fu costruito da un bandito che stanco della sua vita da latitante chiese aiuto al Santo quando decise di costituirsi e venne graziato per delitti che non aveva commesso. Vero o falso? E’ leggenda. Ma è vero che da allora, dal 1700, gli organizzatori della festa vengono scelti tra i presunti discendenti del bandito.

La chiesa si presenta, nelle forme attuali, come il risultato delle ristrutturazioni e degli ampliamenti effettuati nel 1795 sulle strutture originarie risalenti, forse, al XVI secolo. All’interno è custodita una statua lignea di San Francesco, di scuola napoletana del ‘600, mentre le “cumbessìas”, cioè i piccoli edifici costruiti per ospitare i novenanti e i pellegrini, sono in buona parte moderne.

I pellegrini partono a piedi da Nuoro nel cuore della notte e arrivano al mattino al Santuario. Sono 33 km di tragitto: non pochi, anche se percorsi in macchina. Perchè ciò che aumenta la distanza è, soprattutto nell’ultimo tratto, la percezione di stare percorrendo un cammino solitario, silenzioso, interrotto soltanto dall’avvistamento di qualche capra o altro animale che sembra guardarti perplesso o sospettoso.

DSCN0620rDSCN0617rDSCN0691rDSCN0741r

Ai fedeli presenti durante la novena, vengono offerti “su filindeu” (minestra cotta nel brodo di pecora e condita con formaggio) e “su zurrette” (sanguinaccio). Si svolgono, inoltre, vari riti quali “sa bertula” (cioè “la bisaccia”, si tratta di un voto in cui si offre uno scambio con il Santo, in una tasca della bisaccia si pone il bambino malato, nell’altra si mettono le offerte, raccolte di casa in casa con la questua) e “sa pesada” (cioè “la pesata”, pesando il bambino malato lo si riscatta offrendo al Santo un egual peso di carne d’agnello o di vitello).

La festa, mirabilmente descritta da Grazia Deledda nel romanzo Elias Portolu, non ha subito modifiche nel corso degli anni ed ancora oggi centinaia di pellegrini percorrono a piedi il tragitto fra il santuario ed i rispettivi paesi d’origine.

Noi lo abbiamo percorso in auto, in estate, e  durante il tragitto qualche domanda ce la siamo fatta.

DSCN1148rDSCN1228r

Evitando naturalmente di insistere con gli abitanti di Lula, peraltro gentilissimi e ospitali, sul perché dei  cartelli segnaletici crivellati di colpi:  rispondono,  schernendosi, che c’è molto da sfatare. Perché in Barbagia, a seconda della prospettiva da cui si guarda, i banditi si trasformano in balentes.

Sa balentìa è la virtù che consente all’uomo barbaricino, al pastore barbaricino, di resistere alla propria condizione, di restare uomo, soggetto, in un mondo implacabile e senza speranza nel quale esistere è resistere: resistere a un destino sempre avverso nell’unico modo in cui ciò può essere fatto salvando se non altro la propria dignità umana. (Antonio Pigliaru su “Viaggio in Sardegna” di Michela Murgia).

Balentes  sono dunque quelli che incontri e con cui  parli, perché del resto ti colpisce l’assenza e degli assenti per educazione ovviamente non si parla.

Della Barbagia e dei Balentes ho già parlato qui:

https://eyesmindandhearthaboveall.wordpress.com/2013/08/02/sa-meri-de-omu/

https://eyesmindandhearthaboveall.wordpress.com/2014/08/04/sardegna-1959-lafrica-in-casa-di-carlo-bavagnoli/

Pubblicato in Books please!, Life style, Living with books, Sì viaggiare, Vita da bibliotecaria | Contrassegnato , , , , , , , , , | 6 commenti