Afghanistan: i tappeti di guerra

Non ne comprerei mai uno anche se metterselo in casa equivarrebbe a “calpestare la guerra”: gesto simbolico ovviamente, ahimè ben poco efficace.  Sono i Tappeti di guerra, i Narche Jangi, che ho fotografato ad un mercatino dell’antiquariato.

DSCN4746

Le donne dell’Asia centrale hanno tessuto tappeti fatti a mano dal design intricato per migliaia di anni. Ma nel 1979, i tappeti cominciarono a cambiare radicalmente. L’invasione sovietica dell’Afghanistan devastò la regione. I suoi effetti hanno avuto un impatto così profondo sulla vita quotidiana che le donne in Afghanistan e quelle che vivevano come rifugiate in Pakistan e in Iran hanno iniziato a incorporare icone di guerra nei loro tappeti. Fiori, uccelli e nodi decorativi furono sostituiti da mitragliatrici, granate, elicotteri e carri armati in quelle che erano altrimenti tessiture tradizionali. Ne esistono anche che raffigurano il crollo delle Twin Towers e vengono considerati documenti storici con cui di volta in volta si sono celebrate vittorie, si è fatto proselitismo o protesta. Hanno stravolto la tradizione introducendo elementi moderni e altamente tecnologici nella cultura tribale dell’artigianato locale.  Questi simboli erano all’inizio modeste aggiunte ma e furono poi enfatizzati per un mercato di nicchia di collezionisti occidentali: sono usciti dal paese di origine proprio grazie agli occupanti, prima Russi, poi Statunitensi.

Il più grande archivio online di tappeti di guerra afgani è curato dall’artista di New York Kevin Sudeith

2052693908_050cfbd9da_o

Non hanno fatto in tempo a vederli i giovani occidentali che percorsero l’Hippie Trail, il percorso che portava dall’Europa all’India,  perché proprio a causa della guerra l’Afghanistan chiuse il passaggio verso oriente.

52f7abbf72c4a

Ai “Tappeti da guerra” o  “War Rugs” si sono dedicate mostre. In Italia una al  Mart di Rovereto nel 2014.

Questa voce è stata pubblicata in Antiques, La storia siamo noi e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...