Mary Poppins ritorna. E io sono qui ad aspettarla…

Si svolgerà questa sera a Los Angeles la premiére di Mary Poppins Returns Il film attesissimo da grandi, soprattutto, e piccini è il sequel del primo: Mary infatti torna per riportare magia e serenità alla nuova generazione della famiglia Banks. Il proseguo delle avventure di Mary è stato raccontato da Pamela L. Travers nei 7 libri che ne compongono la serie ed è da questi racconti che è stato tratto il film.

A fare da sfondo l’Inghilterra degli anni ’30, gli anni che seguirono alla Depressione. Michael Banks lavora nella stessa banca in cui lavorava il padre e vive ancora in Viale dei Ciliegi con i suoi tre figli e una governante. La sorella Jane continua  a svolgere l’attività della madre a favore delle donne ed aiuta il fratello a mandare avanti casa e famiglia. Del cast fanno parte anche Angela Landsbury, Meryl Streep, Dick Van Dyke e Colin Firth.

Perché ve ne parlo? perchè Mary Poppins è il mio “libro dell’infanzia” e non solo. Il perché e il percome l’ho spiegato tempo fa qui Davvero basta un poco di zucchero?

 

Annunci
Pubblicato in Books please!, Ciak, si gira, Famiglia, Genere femminile, Life style, Living with books | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Libri per l’inverno. Elogio del muschio

Muschi di un verde profondo
La polvere del mondo è lontana.
Sen no Rikyu

In Occidente il muschio viene solitamente eliminato. In Italia ci si ricorda del muschio solo per la preparazione del Presepe, ma ho il sospetto che sia stato eliminato anche da lì.. In Giappone invece, se ne conoscono circa 300 specie. Il Tempio Saihonij a Kyoto (uno dei patrimoni Unesco dell’umanità) ha un giardino fatto solo di muschi. Lo può visitare un solo gruppo di persone al giorno alle quali è richiesto di trascrivere in giapponese un certo numero di caratteri del Sutra del Cuore o di un discorso del Buddha. Una volta finito si porta il foglio all’altare e si può iniziare la visita del giardino.

images (3)


Elogio del muschio è un libro che ho molto amato e regalato. Non è solo un libro di giardinaggio, è molto di più. È un invito ad un viaggio, viaggio nei paesaggi di muschi, viaggio poetico nei giardini del Giappone, nella lingua giapponese che dona poesia anche alle nuvole, alle isole dei giardini, alle loro lanterne di pietra come i muschi. 

46451112_2326926400710718_2347186123886821376_o

È un libro adatto a chi voglia coltivare il proprio giardino interiore. È fatto di foto, haiku, poesie, miti, musica, cerimonie del tè, templi quasi segreti. È un invito alla conoscenza, un antidoto alla fretta, alla grossolanita’. In un mondo come il nostro in cui il cuore fatica a trovare uno spazio, invita a chinarsi verso il basso, il minuscolo, a cambiare prospettiva. Guardare ai giardini interni, nascosti, ombrosi, ai muschi che si insinuano in ogni spazio e resistono ad ogni forma di inquinamento, che danno respiro agli spazi angusti e refrigerio all’anima.


“Il giardino del tè, dove si reca chi vuole affrancarsi dal mondo, è tessuto di muschi”.

Pubblicato in Books please!, Genere femminile, Living with books, Vita da bibliotecaria | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Boccadasse, la quiete prima della tempesta…

5446356704_b6c864db0d_b

5447489233_2e50f67316_b

Boccadasse di Eduardo Firpo

De votte succede che tra onda e onda se stende comme un’improvvisa calma;
deslengua e sc-ciumme là vixin a-a sponda e in te l’aia impregna de bon arsilio
no resta che un silenzio un po’ stupio
A poco a poco sento nasce in gio voxi velae, poi sbraggi de figgeu,
chi scava in te l’aenin , chi zeuga alléa, chi travaggia a ‘ na barca chi a ‘na rae;
unna galinn-a a crocca in sce’na proa, un’atra a pitta l’aiga da-a scuggèa.
Dormiggia un datto in meso a due bibinn-e, piaggia una reggetta sorva a un scaìn;
chi eugezza da un barcon, chi sta in sce-a porta a godise l’odo do vento maen;
chi tegne o cheu in te reuze, chi in te spinn-e, chi in mille moddi a vitta se conforta.
O Boccadaze, quando a ti se chinn-a sciortindo da-o borboglio da citae,
s’à l’imprescion de ritornà in ta chinn-a o de cazze in te brasse d’unna moae.
Pa che deslengue un po’ l’anscia da vitta Sentendo comme lì seggian fermae
Ne-a bella intimitae da to marinn-a A paxe antiga e a to tranquillitae
Pa che se pose un’improvvisa calma Fra onda e onda anche dentro a-o cheu,
ma appena te se gia torna e spalle ecco che arriva pronta a neuva onda
e torna o bullezumme in meso a-o ma

Capita a volte che tra un’onda e l’altra
si formi come una bonaccia improvvisa;
scioglie le schiume presso la riva
e nell’aria impregnata di arsura
non resta che uno stupore silenzioso.
Poco alla volta sento sorgere intorno
voci velate, poi grida di fanciulli,
chi scava nell’arena, chi gioca a nascondino,
chi lavora a una barca, chi a una rete;
una gallina si crogiola su una prua,
un’altra becca le alghe sugli scogli.
Un gatto se la dormicchia tra due tacchine,
una vecchietta sonnecchia su uno scalino;
chi occhieggia da un barcone, chi sta sull’uscio
a inebriarsi dell’odore del vento marino;
chi ha il cuore fra le rose, chi fra le spine, chi accetta comunque la vita che ha.
O Boccadasse, quando si scende a te
uscendo dal subbuglio della città,
si ha l’impressione di ritornare nella culla,
o di cadere fra le braccia d’una madre.
Pare che si sciolga un po’ l’ansia della vita
sentendo come lì si sian fermate
nella bella intimità della marina
la tua pace antica e la tranquillità.

083234213-8bd8f984-02a1-4089-bc9b-3537ee2a6217

Pubblicato in La bellezza ci salverà | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

50 sfumature di fastidi. I miei…

32635745_1981408418595853_8072990455647698944_n

Come dice il proverbio: Di fastidi non si muore, ma si campa male. Credo più nelle liste di fastidi che in quelle dei buoni propositi perché spesso è più facile sottrarre che aggiungere. Ho stilato quindi una lista di fastidi anche per rendermi conto di quanti, volendo, posso eliminarne. Sono solo 50 ma ad aggiungerne rischiavo di provare fastidio per me stessa.
1. La sabbia nel letto quando hai la pelle irritata dal sole e gli impiccioni, fastidiosi come la sabbia nel letto
2. Le gatte morte
3. La mosca che ti entra in casa per starsene al calduccio e non riesci a sterminare
4. Le liti familiari dei vicini
5. Le coppie silenziose al ristorante
6. Il capoufficio e l’esibizione, applicata a cavolate, della sua superiorità
7. Non tutti ma alcuni Santi
8. I brontoloni
9. Le trasmissioni sulla rete ammiraglia della RAI della domenica mattina e i loro conduttori
10. L’etichetta che mi pizzica nel collo
11. Il buco nel calzino che mi strozza l’alluce
12. Gli schizzi delle auto quando piove
13. Gli acufeni
14. L’apparizione di D’Alema in TV
15. Travaglio in TV
16. Fazio & C. in TV
17. L’odore di muffa nelle librerie
18. L’odore di letti nelle case
19. L’odore di fritto nei capelli
20. I ciuffi di polvere negli spogliatoi dei negozi
21. I capelli sul fondo della doccia in palestra
22. Il corpo che cambia
23. Mio figlio che perde le cose
24. Io che perdo sempre e solo un guanto
25. Le malattie della pelle
26. I talloni screpolati
27. I materassi sfondati negli alberghi
28. La biancheria rossa nelle vetrine a Natale
29. Stare più di un giorno a Firenze
30. Le stecche rotte degli ombrelli
31. Le giappo che comprano le borse di Gucci come non ci fosse domani
32. Il risvoltino nei pantaloni degli uomini
33. Gli uomini con il colletto della polo tirato su
34. Lo sbattere di piattini e tazzine nei bar
35. La musica sempre e per forza nei negozi
36. Quelli che dicono “sostanzialmente”
37. Quelli che gli va sempre “alla grande”
38. Le urla sguaiate dei ragazzi per strada
39. I bicchieri abbandonati nelle aiuole
40. Chi legge il mio giornale prima che lo abbia fatto io
41. Quelli che mettono i piedi sui sedili del treno, o delle panchine
42. I gatti
43. I saccenti
44. Quelli che si prendono troppo sul serio
45. Le maggioranze
46. La noia
47. La rassegnazione
48. I doppi sensi
49. Le ingiustizie
50. I rimorsi

Pubblicato in Casa dolce casa, Cose fatte, Famiglia, Genere femminile, Life style, Vita da bibliotecaria | Contrassegnato | Lascia un commento

Passione gallina. Isabella Rossellini ma non solo…

Isabella Rossellini presenterà oggi ad Eataly il suo libro Le Mie Galline e Io pubblicato da Jaca Book.ross

 Il libro si rivolge ai bambini ed è illustrato da lei stessa. Le fotografie invece sono di Patrice Casanova: le stesse che sono state esposte alla Bellport-Brookhaven Historical Society di New York in occasione della presentazione di Fowl Play un progetto dedicato alla valorizzazione delle fattorie familiari per la conservazione della biodiversità.

Mi interessano le galline? domanda lecita…no, non le ho mai amate. Mi piacciono le uova e ho scoperto da poco grazie al Matzot di Courmayer che ne esistono di colorate. Potevo resistere? no…infatti le ho comprate. In famiglia nessuno si è fidato e le ho mangiate solo io andando alla ricerca della promessa diversità nel gusto che sinceramente ho faticato a trovare…

dav

E allora perché ne parlo? perché se posso permettermi l’idea non è originale. La prima ad occuparsi di galline tra i non comuni mortali è stata Deborah Mitford, duchessa del Devonshire. Una delle sette sorelle Mitford, non scolarizzata ma di cultura raffinata, ricchissima e proprietaria di una delle Stately Home più famose, più belle, più tutto del Regno Unito (dopo i Palazzi Reali, ovviamente), che la passione ce l’ha avuta sin dall’infanzia

.1280

Come lo so? Perché ci sono stata lo scorso anno e ne ho scritto qui… Gucci places. Chatsworth, la mia preferita

 

Pubblicato in Books please!, Cosa bolle in pentola, Fughe e vagabondaggi letterari, Genere femminile, Life style, Living with books, Vita da bibliotecaria | Contrassegnato , , , , , , , , , , , | 2 commenti

I libri della mia estate: Le ricette della Signora Tokue

39762471_2159048960831797_7587589151822708736_n

La signora Tokue è una vecchina fragile dal passato doloroso che produce la miglior pasta di fagioli azuki. Trasmetterà le sue ricette a Sentaro, che ha abbandonato il sogno di scrivere e lavora in un piccolo negozio di dolciumi, solo dopo avergli confessato un terribile segreto.

È un piccolo libro delicato, da cui è stato tratto un film molto bello che ho visto tempo fa.

È un libro sul dolore,  sull’amicizia, sul superamento dei pregiudizi, sul passato che come un macigno pesa sulle vite dei protagonisti. È scritto con lievita’ e un pizzico di umorismo. La signora Tokue se ne serve per rendere la sua vita degna di essere vissuta. È una piccola grande lezione di umiltà che serve a ricordare tutto ciò di cui dovremmo essere grati e che non è mai troppo tardi per fare qualcosa con la nostra vita. E che la gioia passa anche dal fare le cose con amore-
Chiude il libro un glossario che ci aiuta a comprendere i termini giapponesi, molti dei quali riferiti alla cucina.

Daruma Box, contenitore per il pranzo a forma di Daruma, le bambole dharma senza gambe e senza braccia che rappresentano Bodhidharma, fondatore dello Zen. La bambola ha un volto stilizzato da uomo con barba e baffi, ma gli occhi sono dei cerchi di colore bianco. Usando dell’inchiostro nero, bisogna disegnare un solo occhio  esprimendo un desiderio; se il desiderio dovesse avverarsi, verrà disegnato anche il secondo occhio. Sono considerate portafortuna.

Daruma_Doll_Five_Colors

Dorayaki, i dolci che vende Sentaro. Sono come piccoli pancakes ripieni di an, pasta di fagioli azuki. 

Uno dei segreti che la signora Tokue cerca di trasmettere all’infelice Sentaro sta nella capacità di osservare e ascoltare gli azuki:

«Si tratta di osservare bene l’aspetto degli azuki. Di aprirsi a ciò che hanno da dirci. Significa, per esempio, immaginare i giorni di pioggia e i giorni di sole che hanno vissuto. Ascoltare la storia del loro viaggio, dei venti che li hanno portati fino a noi».

Hanami, la tradizione di osservare gli alberi di ciliegio nel momento della loro massima fioritura. I più belli si trovano a Shinshiro, la città di provenienza della Signora Tokue , dove si svolge un festival a loro dedicato. 

maxresdefault (1)

Sakurayu, una bevanda tradizionale a base di fiori di ciliegio conservati sotto sale e messi in infusione in acqua calda🌸 

 Cherry blossom (sakura) Japanese Herb tea on table.

 

Noi siamo nati per guardare ed ascoltare il mondo e il mondo non desidera altro. Faccio dolci per nutrire le persone che hanno accumulato lacrime 

Pubblicato in Books please!, Cosa bolle in pentola, Fughe e vagabondaggi letterari, Living with books, Vita da bibliotecaria | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

I libri della mia estate: Mamma a carico

MAMMA

Questa estate  è stata la prima di una nuova fase della mia vita. Ma soprattutto di quella di mia madre. E il libro, oltre che letto è vissuto. Anche se non proprio del tutto.

Come l’anziana protagonista mia madre è milanese. Non ha mai parlato in dialetto ma ogni tanto le vien fuori “sun spaciada”. E’ una frase buttata lì, tra consapevolezza e autoironia. E’ stata una donna energica, lavoratrice, moderna. Anche delusa dalla vita. Fino a qualche mese fa stava benissimo poi è caduta e non è più autosufficiente. Questa cosa mi ha colpito, non ero pronta. Faccio di tutto per tenerla attiva, soprattutto mentalmente. Quando stiamo insieme ritardo l’ora del pranzo e della cena, del sonno, le parlo di libri dei nostri viaggi, delle persone che incontro. Cerco di sottrarla all’isolamento, al venir meno delle capacità intellettive. Sono la sua aguzzina, da un certo punto di vista, e mi nutro di sensi di colpa. Faccio meno fatica ad accettare il mio invecchiamento del suo.Vedo tanti anziani malandati che se la cavano e mi chiedo perché lei no. Lei mi scruta con la coda dell’occhio, mi dice sei stanca. Le dico sì, ma va bene lo stesso. Ogni tanto piango. Per lei, per me.

Come il Lorenzo del libro, il mio compagno cerca di consolarmi, mi suggerisce di non lasciarmi travolgere, di trovare un’altra badante che mi sostituisca quando quella fissa ha i giorni di libertà. Lo ascolto, ma faccio di testa mia. Il pensiero volente o no sempre fisso lì.  Mi concentro sul bello di poterle stare vicino. Mentre crescevo lei lavorava, lavoravo io mentre lei cresceva mio figlio. Il tempo è sempre stato poco, ora mi sento di restituire a lei, a noi qualcosa di quegli anni che non torneranno più.

La vecchiaia è destinata ad occupare un tempo lunghissimo nelle nostre vite. Ed è difficile. Per lei avrei voluto che non lo fosse. La vecchiaia diventerà un’emergenza nazionale? Le donne coinvolte nella cura degli anziani diventeranno un’altra categoria di depresse? Nell’accudire un bambino c’è un orizzonte, quando accudisci un anziano sai già come va a finire. Mi chiedo che sarà di me nella vecchiaia.

E intanto in tv i vecchietti ballano…

Pubblicato in Books please!, Famiglia, Genere femminile, Living with books | Contrassegnato , , , , , , , , | 3 commenti

I libri della mia estate: Punizione

PUNIZIONE

Punizione di Elizabeth George.

A differenza di altri suoi libri non mi ha annoiata. Un villaggio medievale abitato per lo più da anziani e studenti dove tutto sembra scorrere tranquillo. In realtà è tutto uno scorrere di alcool e sessualità disordinata, scoperta mentre si indaga su un presunto suicidio.

È anche un’indagine sulla solitudine degli anziani, i rapporti interpersonali, le famiglie, l’alcolismo di chi non sa affrontare le proprie paure e finisce col perdere le cose più care, il mondo dei giovani, dei rapporti tra loro e le loro famiglie.

Finito in traghetto. Insieme alle vacanze😭😭😭

Pubblicato in Books please!, Living with books, Vita da bibliotecaria | Contrassegnato , , , , , , , | Lascia un commento

I libri della mia estate: La condanna

la condanna

Decimo e ultimo libro della serie dedicata alla detective Hanne Wilhelmsen.

Un presunto colpevole. Un presunto assassinio. Un presunto suicidio. Ossessioni. Invidie. Il libro di Giobbe. E un peso sul cuore che Jonas riuscirà a togliersi.

Freedom is just another word for nothing left to loose, la frase che dà un senso al finale  e alla storia di Jonas, è tratta da Me and Bobby McGee di Janis Joplin

Il freddo norvegese che con questo caldo è un sollievo🌸

 

Pubblicato in Books please!, Musica, musica!, Vita da bibliotecaria | Contrassegnato , , , , , , , , , | Lascia un commento

I libri della mia estate: La sposa italiana

la sposa italiana.jpg

La sposa italiana di Adriana Trigiani è una storia d’amore, una saga familiare, una storia nella storia. Ma anche un inno al lavoro artigianale, al cibo, alla famiglia, all’amicizia. Ci sono tristezze, prove da superare e naturalmente la morte in questo  romanzo, ma nel suo mondo, uomini e donne plasmano le loro vite e ne hanno il dominio.

Enza e Ciro, partiti poco più che ragazzi dalle montagne che circondano Bergamo per cercare fortuna in America agli inizi del ‘900, supereranno la paura, la solitudine i soprusi e realizzeranno i loro sogni. E di sogno in sogno contribuiranno ad alimentare l’American Dream. Enza, più ambiziosa, diventerà sarta al Met, la preferita da Caruso, troverà consolazione nella musica (è di questi giorni un annuncio per una posizione aperta di  Head of Wardrobe che sarà direttamente responsabile della gestione della cura e della manutenzione dell’inventario dei costumi dell’opera, nonché della gestione delle squadre di apprettatrici che assistono i cantanti e gli esecutori dentro e fuori i costumi sia per le prove che per le esibizioni).

Ciro diventerà un abile calzolaio e viene istintivo pensare a Salvatore Ferragamo, emigrato nel 1914 a Boston dove lavorò per cinque anni in una fabbrica di calzature prima di aprire una bottega per la riparazione e la creazione di scarpe su misura per poi tornare in Italia a causa della difficoltà a reperire calzolai esperti che lo aiutassero con le numerose ordinazioni di scarpe artigianali.

Faranno da sottofondo alle loro vite la prima e la seconda guerra mondiale, le morti in miniera dei tanti immigrati. Non perderanno mai di vista la famiglia e l’amicizia.

Come va a finire non ve lo dico🌸❤️

 

Pubblicato in Books please!, Fughe e vagabondaggi letterari, Genere femminile, Life style, Living with books, Vita da bibliotecaria | Contrassegnato , , , , , , | Lascia un commento