Books and Art: Un’estate da sola

Linton, Jonathan

Il dipinto, di Jonathan Linton,  non ha titolo. Lo prendo in prestito  da Un’estate da sola,  romanzo di Elizabeth von Arnim:

“Sento il bisogno di rimanere da sola, per una volta, l’intera estate.”

“Ti porterai un libro?”

“Sono pronta ad ammettere che sebbene i campi e i fiori abbiano molto da insegnare, non sempre mi trovo dell’umore giusto per apprendere e a volte i miei occhi sono incapaci di vedere cose che in altre occasioni sono decisamente ovvie.”
“E allora leggi?”
“E allora leggo…I libri, come le persone, soffrono di idiosincrasie, e non si mostrano in tutta la bellezza se il luogo e il tempo in cui vengono letti non li soddisfa appieno.”

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Books and art, Books please!, Genere femminile, Living with books, Vita da bibliotecaria e contrassegnata con , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

6 risposte a Books and Art: Un’estate da sola

  1. stravagaria ha detto:

    Ho letto moltissimo della von Arnim, questo mi manca ma concordo: quando il luogo e il tempo coincidono i libri parlano la loro lingua migliore.

    • cinziarobbiano ha detto:

      in quel caso si realizza anche l’isolamento che non sempre è possibile senza pregiudicare i rapporti, soprattutto con chi ci ama

  2. Pendolante ha detto:

    Ho cominciato libri nel luogo e nel tempo sbagliati… e sì anch’io sento il bisogno di stare da sola… mi basterebbero un paio di giorni

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...