Incalza, i libri e il Family Business

I libri da sempre nascondono tesori, e segreti. Anche dietro. Quante finte librerie ricordate di aver visto nei film? su tutte, quella della indimenticabile scena di Frankenstein Junior: rimetta a posto la candela!

originalindexNon tutte hanno avuto nobili scopi. Neppure quella di Incalza. Che pare non essersi ispirato a nobili fonti ma ad una collana di Harlequin Mondadori, la Harmony Jolly per l’esattezza. La serie in questione è Affari di famiglia, nel paese di origine gli USA, Family Business, publicata da Harlequin, casa editrice molto seguita (ora di proprietà di News Corp, di Rupert Murdoch) : pare che i suoi lettori leggano da 50 a 100 titoli all’anno, pubblicati in 33 lingue e distribuiti in 100 paesi.

«Ho trovato dei libri contabili nascosti dietro uno scaffale…Dovremo affrontare un’indagine del fisco, articoli velenosi sui giornali…

Per quanto tempo ancora ci faremo dire che queste sono opere “di fantasia”?

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Books please!, Ciak, La storia siamo noi, Living with books e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...