Far di baldoria un’arte. Imparare si può.

Ci hanno insegnato che organizzare una cena, una festa, scegliere gli ospiti, apparecchiare la tavola è un’arte con cui suscitare emozioni e trasmettere serenità. Lo condivido, tant’è vero che ho seguito e continuerò a seguire i consigli di Caterina, sapientemente illustrati in Madame est Servie, un agile manuale da consultare in caso di dubbio o se si è in cerca di ispirazione: https://eyesmindandhearthaboveall.wordpress.com/2013/04/22/la-buona-educazione/

Lo tengo sul tavolo accanto ai divani, tra la cucina e la sala da pranzo, ad un’equa distanza da entrambe quasi a voler dire “è così, ma anche no”. Nel senso che non sempre l’arte della tavola è gradita, a volte intimidisce. E allora è “l’arte dell’improvvisazione” che va imparata, arte perché non ha nulla d’improvvisato, ma mette a proprio agio gli ospiti più refrattari al Bon Ton.

www.inmondadori.itTutto questo è ben descritto nel capitolo Baldorie di Il libro dell’inverno di Tove Jansson, pubblicato da Iperborea.

E’ diventato molto più difficile dare feste da quando mi è arrivato un fratello, ma papà e mamma fanno comunque del loro meglio per organizzarle. La mamma ci sa fare con le feste. Non mette mai tutto in tavola e non invita mai la gente. Sa che l’unica cosa che fa davvero atmosfera è l’improvvisazione. E’ una bella parola, improvvisazione. Papà deve uscire e andare a cercare conoscenti. Certe volte non si trova nessuno. Ma spesso sì… Poi si dice adesso guardiamo un po’ che cosa può esserci nella dispensa. E si va zitti zitti a vedere e c’è un sacco di roba! Ci sono salsicce, di quelle costose, e bottiglie e filoni di pane e burro e formaggio e perfino acqua di seltz e si porta tutto di là e si fa una cena improvvisata. La mamma ha sempre tutto pronto.

Ecco cosa dice la piccola narratrice a proposito della tavola:

La cosa più bella è la tavola. Ogni tanto mi alzo a guardare la tavola al di là della balaustra e strizzo gli occhi così che si forma tutto un luccichio di bicchieri e di candele e di quanto c’è intorno e si crea un insieme come un quadro. E’ importante l’insieme. Certi dipingono solo gli oggetti e dimenticano l’insieme.

Questo paragrafo mi ha fatto ricordare un’opera di Daniel Spoerri, vista qualche tempo fa in una vetrina della Galleria Guidi, in vico Falamonica a Genova. DSCN7140Daniel Spoerri è un personaggio eclettico: fu ballerino, ristoratore, fondatore della Eat Art (vedi la Eat Art Gallery di Düsseldorf e i suoi numerosi banchetti). Deve la sua fama di artista soprattutto ai cosiddetti “Quadri-trappola” (“Fallenbildern“, realizzati a partire dagli anni ’60), in cui letteralmente incolla gli oggetti, gli avanzi delle cene alla tavola: i quadri, da orizzontali, diventano verticali. Alcuni, è innegabile, nonostante comprendano piatti sporchi, tovaglioli accartocciati, cicche di sigarette, hanno una loro bellezza.

Spoerri-Assemblage-1992-SevCome è bello il brano in cui nel libro viene raccontata la fine della baldoria, il ritorno alla normalità:

L’importante è che il passaggio al nuovo giorno avvenga nel modo più graduale e amichevole possibile. Le cose appaiono diverse alla luce del sole, e se la differenza è troppo violenta può rovinare tutto. Si deve potersi aggirare in tutta calma e tranquillità, vedere come va e chiedersi di cosa si ha realmente voglia. Si ha sempre voglia di qualcosa, il giorno dopo, ma non si sa mai esattamente di cosa.

Mentre finisco il capitolo, mi faccio un rimprovero. Mi rimprovero di aver trascurato questo libro, acquistato durante l’inverno e letto solo ora, mentre la primavera sta arrivando. E’ un libro fatto di piccole meraviglie, di poesia. Che ci insegna a percepire la nostra vita come  un atelier da cui possono venir  fuori oggetti d’arte. Anche dalle piccole cose quotidiane.

Per saperne di più su Caterina: http://www.caterinarevigliosonnino.com/#/Slideshow

Per saperne di più su Tove Jansson: http://iperborea.com/autore/4439/

http://www.tovejansson.com/index.html

Per saperne di più su Daniel Spoerri: http://www.danielspoerri.org/web_daniel/sprachwahl.htm

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Books please!, Casa dolce casa, La bellezza ci salverà, Life style, Living with books, Vita da bibliotecaria e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...