L’ultima volta che vidi Parigi…

L’ultima volta che vidi Parigi era anche la prima. E non mi è piaciuta. Ma come? …eeehhh, è andata così. Già  me lo sentivo infatti l’ho lasciata sempre un po’ indietro. Io la fissa ce l’ho per il Regno Unito, isole dell’Isola comprese. Poi gli USA, l’India, Roma, i posti sperduti…insomma un mix e match che io stessa spesso non so come conciliare. Ma la France , diciamolo, tranne alcune cose, non è che proprio mi faccia impazzire: non la prenderei in blocco, ecco…

Comunque, ce l’avevo messa tutta se non fosse che altri, o meglio altre, ce l’hanno messa tutta per farmela andare di traverso. Cosa mi ricordo e che mi è piaciuto? Il Marais e le vetrine di Hermes, e i piccoli e grandi giardini. Anche il Lungo Senna, ma non proprio tutto. Insomma, cose separate dall’insieme, soprattutto dal troppo traffico…Sulla Tour Eiffel non son salita ma per fare una cosa molto molto turistica (almeno una cosa abominevole la faccio sempre) sono stata al Crazy Horse. Visto come andava l’umore non sono stata alla mia libreria preferita Shakespeare & Co. per non rovinarmene il ricordo per sempre e proprio per come andava l’umore sono stata al Tunnel dell’Alma a porgere il mio omaggio alla vittima delle vittime dei triangoli.

Comunque un tributo a Paris lo rivolgo spesso. Sosto ammirata ma anche un po’ malinconica  davanti alle vetrine di L’ultima volta che vidi Parigi, ispirate alla Parigi degli anni ’50 (quella del film) che originò mostri sacri, icone e perdigiono, ricchi e squattrinati, appartamenti lussuosi e tappezzerie sbrecciate, ombre vivaci su sfondi fané. Più che gente sembrano foulard, per dirla alla Paolo Conte…

Mi dico sempre che le darò un’altra chance ma il momento non è ancora arrivato. Per ora, da casa, mi delizio con i video che Roger Vivier mi recapita gentilmente nella mail. Ines de la Fressange, it girl per quelle della mia età, vagabonda per gli arrondissement e mi mostra i suoi oh so-Ines!  indirizzi segreti

e mi consolo con  un cd di Carla, che non ho mai considerato italiana neppure quando è divenuta Premiere Dame…

Et qu’on soit de Londres ou de Hong Kong, qu’on soit trois feuilles
ou shu-bang
Qu’on soit djellabah ou sarong, try for a little french song
Quand les méchants sonnent leur gong
Moi ie chante une little french song

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Balocchi e profumi, Sì viaggiare e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a L’ultima volta che vidi Parigi…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...