Anna Frank: il suo diario Patrimonio Unesco dell’Umanità

L’idea me l’ha data l’articolo di Giusi Meister apparso oggi nel suo blog per celebrare i 70 anni dalla morte di Anna Frank. https://bibliotecadisraele.wordpress.com/2015/03/16/anne-frank-70-years-after-her-death-her-diary-remains-one-of-the-most-enduring-symbols-of-human-suffering-during-the-holocaust-the-independent/#comment-6420

Il momento è cruciale, sono sempre tra noi, e non sono fantasmi, esecutori di un passato che abbiamo sperato di veder dissolversi col tempo. Poco può la memoria. Forse anche un riconoscimento. Ma mi piace pensare che in quel diario sia scritta una storia che potrebbe essere anche di ciascuno di noi. Ma soprattutto di chi oggi si rende artefice di gesti terribili.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Books please!, La storia siamo noi e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a Anna Frank: il suo diario Patrimonio Unesco dell’Umanità

  1. Pendolante ha detto:

    La memoria può molto, ma a volte non riconosciamo le forme alterate delle stesse manifestazioni. Forse fa comodo cosí…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...