Lettere di emigrati ai compagni del Mezzogiorno d’Italia (Libreria Feltrinelli)

E’ tempo di migrare?

DSCN1841

“Non ha importanza xhe tu sia bracciante pugliese, disoccupato calabrese o pastore. Non importa che tu sia neo-diplomato, muratore o contadino. Importante è che tu sappia che cosa ti attende se emigri, se ti lasci illudere dalla propaganda del governo e dei padroni; importante è che tu sappia perché e per colpa di chi in Italia c’è tanta miseria e chi su questa miseria specula e si arricchisce vendendoci come carne da lavoro ai padroni stranieri”.

La lettera, frutto di un lavoro di gruppo realizzato da alcuni emigrati, è stata scritta nel 1969 da Edoardo Rabetti e Giuseppe Vasa, emigrati nella Repubblica Federale Tedesca. Valida non solo per la Germania e gli altri paesi Europei, ma anche per l’emigrazione interna italiana. Venne pubblicata da Feltrinelli nel 1969. È una lettera piena di rimpianto, delusione, umiliazione, emarginazione. Si conclude con un appello all’unità, alla lotta.
I contenuti della lettera sono in…

View original post 113 altre parole

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Books please!, Il futuro è ora, Living with books, Rampolli, Vita da bibliotecaria e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a Lettere di emigrati ai compagni del Mezzogiorno d’Italia (Libreria Feltrinelli)

  1. luigibartolini ha detto:

    Grazie per la segnalazione dello scritto…….spero di poterlo leggere.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...