Margherita, era l’estate del 2009

4701199640_dd02d58168_o

Gigino o’ fetente sta facendo pizza a tutta Napoli, si è fatta la folla davanti al forno. Fa freddo e lui sta a braccia nude a sbattere la pasta a schiaffi e giralvolte mentre si gira distrattamente verso il fuoco e al volo rigira dieci pizze in due secondi. Per chiamare la gente fa le sue grida: “Song’e ppizze’ e sott’ o Vesuvio nc’e scurruta ‘a lava e ll’uoglio”per dire che ci mette tanto olio, uoglio, quanta lava scorre dal Vesuvio. La gente aspetta così più volentieri e si fa venire appetito con le parole esagerate di don Gigino.

Montedidio, Erri De Luca

 

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Books please!, Cosa bolle in pentola, Life style, Living with books, Vita da bibliotecaria e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...