Charleston

84500939_4000579_20_9

“It will be an odd life, but…it ought to be a good one for painting.” Vanessa Bell

6720043545_f4a3a4d89a_zCharleston fu la residenza di campagna di Vanessa Bell e Duncan Grant  in cui il Bloomsbury Group  si trasferì nel 1916. Vanessa  e Duncan  , inspirandosi agli affreschi italiani e ai post-impressionisti, ne decorarono le pareti, le porte, il mobilio.

6720051271_8d266eec09_z

Il giardino cintato fu ridisegnato sullo stile del Sud dell’Europa

Charleston-borders-and-house

 con mosaici, capanni, sentieri di ghiaia e laghetti.

Charleston divenne ed è così il solo esempio del loro stile decorativo applicato ad un ambiente domestico.

Quentin Bell's ceramic mugs in the kitchen

Quentin Bell, il figlio più giovane di Clive and Vanessa Bell, e sua figlia  Virginia Nicholson, raccontano la storia di questa inimitabile casa in Charleston : A Bloomsbury House and Garden. Ogni capitolo è dedicato ad una stanza e ne descrive non solo la decorazione ma anche le persone che in esse vissero. A corredo di tutto ciò le bellissime fotografie di  Alen MacWeeney e le foto di famiglia di Vanessa Bell.

CHARLESTON

In questo ambiente così poliedrico e disinibito, per noi così ancora ricco di fascino,  nacque e crebbe Angelica, figlia di Vanessa e Duncan.

Angelica Garnett con la zia Virginia Woolf

Angelica Garnett con la zia Virginia Woolf

Un’infanzia piena di delizie ed enigmi, prigioniera di una trama intessuta dalle abili mani di Vanessa. Angelica seppe solo a 19 anni di essere figlia dell’amante della madre, e la vita che sino ad allora aveva vissuto  le si rivelò come un inganno estremamente convenzionale in un mondo che si diceva anticonformista. Ad Angelica era stato impedito di studiare il latino e l’aritmetica ad esempio per privilegiare la musica, l’arte, le lingue straniere. Le furono attribuite innate qualità artistiche e ciò innescò in lei sentimenti di inadeguatezza e contribuirono ad alimentare ansie e paure. Frequentò sempre persone più adulte che avevano conosciuto ed amato i suoi genitori. Così fu per David Garnett che sposò e che era stato l’amante di suo padre.

512mWTS4GYL._SL500_AA300_E’ questo passato il tema fondamentale di Ingannata con dolcezza. Un’infanzia a Bloomsbury di Angelica Garnett.

“Il passato può essere fecondo, oppure un fardello […] il presente, se non è vissuto pienamente può trasformare il passato in un serpente minaccioso […] i rapporti che non furono a suo tempo esplorati pienamente possono divenire ombre nella cui oscurità non ci sta a cuore indugiare”.

E la scrittura allora diventa cura di sè, attraverso lo sguardo ferito e lucido ma dolce di Angelica, che continua a guardare al suo mondo e alle persone che ne hanno fatto parte con affetto.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Books please!, Life style e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a Charleston

  1. Pingback: Bloomsbury Collection? Ma… avete letto Virginia? | occhimentecuore

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...