Burqa inspiration partendo da Istanbul per arrivar sin qui…

Sosta a Istanbul sulla via per l’Azerbaijan. Scegliamo un albergo a Sulthanamet, a due passi dalla Moschea Blu. Dalla terrazza dell’albergo la si vede benissimo.
MOSCHEA BLUAbbiamo poche ore, vediamo i fondamentali ma mi faccio l’idea che Istanbul sia ormai troppo turistica per i nostri gusti. E troppo West oriented, al di là delle apparenze.

SULTANAMETcd

Dalle  vetrine occhieggiano decine di borse dei migliori marchi internazionali. False naturalmente ma praticamente perfette. Vengono vendute in piccole botteghe, ammassate una sull’altra, o in eleganti negozi,  nel tentativo di mostrarle nei loro ambienti originali , ma è appunto un’illusione: per 25  Euro ti porti via una Michael Kors che pare essere il brand più desiderato. La tentazione viene ma viaggiamo con bagaglio a mano ed è praticamente impossibile.

kors

A dir la verità più delle Michael Kors mi sarei comprata quello che per me rimarrà il “burqa zaino“. Il proprietario del negozio non era disponibile a spiegarne origini e ragioni ma ho approfittato di una distrazione per scattare la foto che ne prova l’esistenza.

burqa zaino

E’ decisamente inquietante: lo sguardo non è dei più rassicuranti, fin troppo espressivo. Nulla a che vedere con l’impenetrabilità dello sguardo delle donne velate. Mi sento di dire con convinzione  che non si tratti di un prodotto occidentale. I marchi più famosi prestano molta attenzione a non urtare la sensibilità di quella parte di mondo da quando si sono instaurate proficue relazioni eonomiche. Louis Vuitton ad esempio ha espresso pubblicamente il proprio disappunto e ha ribadito la propria estraneità nei riguardi dell’illustrazione che riproduco qui sotto, pubblicata a commento di un articolo di Graham Fuller , estratto dal suo libro”A world without Islam”. http://grahamefuller.com/world-without-islam/

 monogramislam

Appare evidente che un mondo senza Islam è praticamente impossibile. Così come la moda che lo caratterizza. Fioriscono le fashion bloggers arabe e la nostra moda da sempre trae ispirazione da quel mondo: pashmine, kaftani, turbanti.

E visto che così va il mondo, è necessario essere tolleranti, avere pazienza. Inshalla, insomma. Come pare suggerirci Jean Jullien, illustratore francese, in una sua opera.

50x70-burqaUna sua mostra è stata inaugurata a Cremona il 9 luglio u.s. nell’ambito di Affiche, dalla galleria http://www.tapirulan.it/affiche/jean_jullien_2015/

E a proposito di arte: voi di Louis Vuitton potreste dire qualcosa per favore al signor Francesco De Molfetta, in arte Demo? Per non parlare di smalto e rossetto…

lourdes-vuitton-1lourdes-vuitton-31-300x222lourdes-vuitton-41-300x222“Quanti cristiani vivono per apparire. La vita loro sembra una bolla di sapone. E’ bella la bolla di sapone! Tutti i colori ha! Ma dura un secondo e poi che?“ – Papa Francesco

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Balocchi e profumi, Books please!, Genere femminile, Sì viaggiare e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a Burqa inspiration partendo da Istanbul per arrivar sin qui…

  1. Pendolante ha detto:

    Non la commento la statua. Ma il tuo post è pieno di curiosità.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...