Afghanistan: i tappeti di guerra

Non ne comprerei mai uno anche se metterselo in casa equivarrebbe a “calpestare la guerra”: gesto simbolico ovviamente, ahimè ben poco efficace.  Sono i Tappeti di guerra, i Narche Jangi, visti anni fa  e rivisti il 1 maggio dallo stesso venditore ad un mercatino dell’antiquariato.

DSCN4746

Venivano realizzati in Afghanistan, durante gli anni dell’occupazione sovietica:  parliamo del 1979. In quegli anni la preziosità dell’iconografia afghana  venne sostituita da elicotteri, kalashnikov e bombe a mano. Ne esistono anche che raffigurano il crollo delle Twin Towers e vengono considerati documenti storici con cui di volta in volta si sono celebrate vittorie, si è fatto proselitismo o protesta. Hanno stravolto la tradizione introducendo elementi moderni e altamente tecnologici nella cultura tribale dell’artigianato locale. Sono usciti dal paese di origine proprio grazie agli occupanti, prima Russi, poi Statunitensi.

Non hanno fatto in tempo a vederli i giovani occidentali che percorsero l’Hippie Trail, il percorso che portava dall’Europa all’India,  perchè proprio a causa della guerra l’Afghanistan chiuse il passaggio verso oriente.

2052693908_050cfbd9da_o52f7abbf72c4aSi continua a produrne anche oggi:  lo fanno donne e bambini, per soddisfare le macabre richieste di collezionisti occidentali.

Ai “Tappeti da guerra” o  “War Rugs” si sono dedicate mostre, una conclusasi di recente al Mart di Rovereto  http://www.mart.trento.it/calpestarelaguerra

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Antiques, La storia siamo noi e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...